Date le ali alla vostra fede

Home | Un Miracolo Ogni Giorno | Date le ali alla vostra fede

Per lei

Per lui

 

Ho fatto la mia prima settimana di digiuno e di preghiera quando ero un giovane cristiano. Sono andato in Svizzera, a Ebnat Kappel, in un bell’albergo, a digiunare in gruppo. Lì ho incontrato per la prima volta Eric Dufour, che è diventato un amico prezioso. Tuttavia, ho trascorso una settimana orribile… Per ragioni di bilancio, ho dormito in un bunker antiatomico sotto l’hotel (non ho visto molto del bel paesaggio svizzero!). A causa del digiuno, il mio corpo ha reagito e ho avuto due gastriti. Stavo malissimo e sono stato sdraiato nel mio letto “militare” per la maggior parte di quella settimana di digiuno. L’ultimo giorno ho visto una mela nella hall dell’hotel. L’ho presa con discrezione, non volendo essere sorpreso da un altro partecipante e sono andato fuori a mangiarla, vergognandomi, un po’ come Adamo che mangia il frutto proibito. Dopo di che, non ho nemmeno osato fare la Santa Cena che ha chiuso questo seminario… Così mi sono detto: “Eric, il digiuno non fa per te”. Per anni mi sono privato dei benefici del digiuno e della preghiera: benefici spirituali, fisici, emotivi finché non mi sono preso un anno sabbatico e mi sono isolato dal ministero per 3 mesi. Durante questo periodo ho potuto concentrarmi su Gesù e lasciare che Lui mi portasse a digiunare di nuovo. Ho imparato, proprio da Eric Dufour e da sua moglie Rachel, che si può digiunare in diversi modi, per esempio con succhi di frutta e verdura. Ho imparato che è normale che il corpo reagisca violentemente a volte e che ci sono modi per superarlo. Così ho cominciato a sviluppare il gusto per il digiuno per 3 giorni, poi 7 giorni, poi 12 giorni… e persino a programmare regolarmente gli orari nel mio diario per appartarmi, per pregare e digiunare. E anche per scrivere alcuni dei testi sullargomento. Ciò che mi sembrava del tutto impossibile e controindicato dal punto di vista medico è diventato qualcosa che non vedo l’ora di fare, sapendo quanto, nonostante la fame dei primi giorni, questa pratica sarà benefica e darà ali alla mia fede. Leggiamo in Filippesi 2:13: “infatti è Dio che produce in voi il volere e lagire secondo il suo disegno benevolo“.  

Dio vi renderà capaci e vi sosterrà quando sarà il momento di digiunare. Quindi caro amico, non scoraggiarti quando non puoi digiunare! Dio non è arrabbiato con te, anzi: desidera incoraggiarti a non lasciarti andare. Ti incoraggio a trovare il modo di digiunare più adatto a te (iniziando lentamente) e lascia che Dio ti incontri dove sei. Ti invito a pregare con me ora: “Signore, vedi il mio desiderio di obbedirti, di mettere da parte un tempo per il digiuno e di pregare per avvicinarmi a te. Ci ho provato più volte ma non ci sono mai riuscito. Dammi la forza per mantenere questo impegno e mostrami il modo migliore per onorarti in modo che io possa vedere un cambiamento nella mia vita. Grazie, Signore. Amen. 

Grazie di esistere. 

Eric Célérier 

P.S.: Non vi consiglio di iniziare un digiuno senza aver sentito prima un parere medico, soprattutto se avete problemi di salute. 

Dio desidera trasformare la tua vita, un giorno alla volta!

Ricevi un incoraggiamento quotidiano

* Campi obbligatori
/ ( gg / mm )
Genere *
    *

1 Comment

  1. Simona on 29/01/2021 at 13:25

    Mi piace

Leave a Comment